LA FONDAZIONE La Fondazione Comitato Direttivo Cosa Facciamo Principi di Panikkar Principi di Gandhi Statuto
PROGETTI Arbor India Umanitari Culturali Ricerca
COLLABORAZIONI Accedere ad una Collaborazione Enti Beneficiari Principi Guida Scarica il Modulo
SOSTEGNO Sostienici
Fondazione Arbor     -     Via Giacometti 1, 6900 Lugano, Switzerland     -    Tel. +41 91 913 41 70    -    Fax +41 91 913 41 79    -    info@arborfoundation.net 

TEATRO

“PAGINA QUARANTA” Co-prodotto   dalla   Fondazione   Arbor,   “Pagina   quaranta”   narra   la storia   di   Fiamma,   psicologa   in   un   Hospice   (struttura   residenziale di   cure   palliative   per   malati   terminali)   che   scopre   di   avere   un tumore   al   pancreas   che   non   le   concede   più   di   quaranta   giorni   di vita. Inizia    un    conto    alla    rovescia    raccontato    da    Fiamma    in    prima persona    e    da    Miriam,    medico    dell’Hospice,    che    si    ritrova    suo malgrado,   per   ragioni   del   tutto   particolari,   ad   accompagnare   la sua collega e amica a domicilio fino alla morte.
“MILANO ICTUS” Il   crollo   del   Duomo,   cuore   e   simbolo   della   città,   è   l’agente   che scatena     un     recupero     dello     spirito     originario     di     Milano, rintracciabile    in    tutta    la    sua    storia    dalla    fondazione    ai    giorni nostri. “Milano    Ictus”,    spettacolo    poetico-musicale    di    e    con    Dome Bulfaro,    regia    di    Enrico    Roveris,    è    non    solo    originale    ma originario:    unisce    la    cultura    giudaico-cristiana    occidentale    col canto   armonico   -Lorenzo   Pierobon-,   disciplina   yogica   orientale che   permette   di   sintonizzarsi   con   l’energia   del   suono;   unisce   la musica    cross-over,    ancestrale    e    dirompente    di    Massimiliano Varotto   e   del   suo   ensemble   di   percussionisti   Danno   Compound, con    la    musica    popolare,    semplice,    del    cantastorie    milanese Francesco Marelli. SCHEDA SPETTACOLO
“LA TRAGEDIA DEL GRANDE INQUISITORE” La   Tragedia   del   Grande   Inquisitore   ci   pone   di   fronte   a   riflessioni oggi   necessarie   sulla   libertà   dell’uomo   e   sull’autorità   religiosa, sull’assunzione   di   responsabilità,   sulla   possibilità   di   conversione del   cuore.      Un   riportare   in   vita   il   messaggio   di   Gesù,   che   pone ognuno   di   noi   di   fronte   all’attacco   dall’Inquisitore   che   spinge   a credere    alle    sole    necessità    materiali,    possibili    solo    attraverso l’obbedienza   e   una   forte   autorità,   elidendo   la   parte   costitutiva, libera gioiosa e vitale dell’essere. GUARDA IL VIDEO
“LE VIE DEI RACCONTI” Le   vie   dei   racconti   ripercorre   il   patrimonio   di   poesia,   racconti, musica   o   più   semplicemente   di   cultura   che   ha   accomunato   per secoli l'Europa, il Mediterraneo e l'Asia. Su    uno    sfondo    musicale    creato    da    un    sapiente    e    multiforme ensemble,    due    attrici    narrano    in    italiano    e    in    persiano    (con traduzione     in     simultanea     proiettata     su     schermo)     novelle     e racconti    che    riecheggiano    con    similitudini    ed    assonanze    dal Mediterraneo   all'Afghanistan.   I   testi   recitati   e   cantati   vanno   da Esopo   a   novelle   che   ritroviamo   identiche   in   Rumi   e   in   Boccaccio, da    Ibn    Hamdis,    massimo    rappresentante    della    scuola    poetica arabosiciliana,   ad   autori   più   recenti   e   meno   noti   come   Ignazio Buttitta.
“IANNACCI, IL TESSA e alter duu Sciopàa” Le   canzoni   di   Enzo   Jannacci   e   le   poesie   di   Delio   Tessa   interpretate con   stile   ironico,   scarno,   appassionato,   da   “alter   duu   s’ciopàa”:   il cantastorie   Francesco   Marelli   e   il   poeta   Dome   Bulfaro.   Un   reading -   concerto   che,   grazie   al   felicissimo   abbinamento   Jannacci-Tessa   e allo    spiazzante    montaggio    di    poesie    e    canzoni    dei    due    autori milanesi,   traccia   la   storia   di   Milano   dalla   fucilazione   del   patriota Amatore Sciesa nel 1851 fino ai giorni nostri. GUARDA IL PROMO
“IANNACCI, IL TESSA e alter duu Sciopàa” Le   canzoni   di   Enzo   Jannacci   e   le   poesie di    Delio    Tessa    interpretate    con    stile ironico,   scarno,   appassionato,   da   “alter duu    s’ciopàa”:    il    cantastorie    Francesco Marelli    e    il    poeta    Dome    Bulfaro.    Un reading    -    concerto    che,    grazie    al    felicissimo    abbinamento Jannacci-Tessa    e    allo    spiazzante    montaggio    di    poesie    e canzoni   dei   due   autori   milanesi,   traccia   la   storia   di   Milano dalla   fucilazione   del   patriota   Amatore   Sciesa   nel   1851   fino   ai giorni nostri. GUARDA IL PROMO
“PAGINA QUARANTA” Co-prodotto     dalla     Fondazione     Arbor, “Pagina    quaranta”    narra    la    storia    di Fiamma,      psicologa      in      un      Hospice (struttura   residenziale   di   cure   palliative per   malati   terminali)   che   scopre   di   avere un   tumore   al   pancreas   che   non   le   concede   più   di   quaranta giorni di vita. Inizia   un   conto   alla   rovescia   raccontato   da   Fiamma   in   prima persona   e   da   Miriam,   medico   dell’Hospice,   che   si   ritrova   suo malgrado,   per   ragioni   del   tutto   particolari,   ad   accompagnare la sua collega e amica a domicilio fino alla morte.
“LA TRAGEDIA DEL GRANDE INQUISITORE” La    Tragedia    del    Grande    Inquisitore    ci pone      di      fronte      a      riflessioni      oggi necessarie     sulla     libertà     dell’uomo     e sull’autorità   religiosa,   sull’assunzione   di responsabilità,       sulla       possibilità       di conversione   del   cuore.      Un   riportare   in   vita   il   messaggio   di Gesù,     che     pone     ognuno     di     noi     di     fronte     all’attacco dall’Inquisitore    che    spinge    a    credere    alle    sole    necessità materiali,   possibili   solo   attraverso   l’obbedienza   e   una   forte autorità,   elidendo   la   parte   costitutiva,   libera   gioiosa   e   vitale dell’essere. GUARDA IL VIDEO
“LE VIE DEI RACCONTI” Le      vie      dei      racconti      ripercorre      il patrimonio   di   poesia,   racconti,   musica   o più    semplicemente    di    cultura    che    ha accomunato      per      secoli      l'Europa,      il Mediterraneo e l'Asia. Su   uno   sfondo   musicale   creato   da   un   sapiente   e   multiforme ensemble,   due   attrici   narrano   in   italiano   e   in   persiano   (con traduzione   in   simultanea   proiettata   su   schermo)   novelle   e racconti   che   riecheggiano   con   similitudini   ed   assonanze   dal Mediterraneo   all'Afghanistan.   I   testi   recitati   e   cantati   vanno da   Esopo   a   novelle   che   ritroviamo   identiche   in   Rumi   e   in Boccaccio,    da    Ibn    Hamdis,    massimo    rappresentante    della scuola   poetica   arabosiciliana,   ad   autori   più   recenti   e   meno noti come Ignazio Buttitta.
“MILANO ICTUS” Il    crollo    del    Duomo,    cuore    e    simbolo della    città,    è    l’agente    che    scatena    un recupero     dello     spirito     originario     di Milano,    rintracciabile    in    tutta    la    sua storia dalla fondazione ai giorni nostri. “Milano   Ictus”,   spettacolo   poetico-musicale   di   e   con   Dome Bulfaro,    regia    di    Enrico    Roveris,    è    non    solo    originale    ma originario:   unisce   la   cultura   giudaico-cristiana   occidentale   col canto      armonico      -Lorenzo      Pierobon-,      disciplina      yogica orientale    che    permette    di    sintonizzarsi    con    l’energia    del suono;   unisce   la   musica   cross-over,   ancestrale   e   dirompente di   Massimiliano   Varotto   e   del   suo   ensemble   di   percussionisti Danno    Compound,    con    la    musica    popolare,    semplice,    del cantastorie milanese Francesco Marelli. SCHEDA SPETTACOLO

TEATRO

Fondazione Arbor Via Giacometti 1, 6900, Lugano, Switzerland Tel. +41 91 913 41 70   -  Fax +41 91 913 41 79 info@arborfoundation.net 
FONDAZIONE
ARBOR