LA FONDAZIONE La Fondazione Comitato Direttivo Cosa Facciamo Principi di Panikkar Principi di Gandhi Statuto
PROGETTI Arbor India Umanitari Culturali Ricerca
COLLABORAZIONI Accedere ad una Collaborazione Enti Beneficiari Principi Guida Scarica il Modulo
SOSTEGNO Sostienici
Fondazione Arbor     -     Via Giacometti 1, 6900 Lugano, Switzerland     -    Tel. +41 91 913 41 70    -    Fax +41 91 913 41 79    -    info@arborfoundation.net 

PRINCIPI di GANDHI

La   Fondazione Arbor   si   riconosce   nella   significativa   ispirazione   morale   dei   principi   di   M.   K.   Gandhi,   padre   dell’azione e del pensiero non violenti: L’AHIMSA La   pratica   della   non-violenza   è   la   pratica   più   nobile   dell’uomo.   Non   è   uno   stato   passivo   di   accettazione   ma   uno   stato di   amore   attivo   e   propositivo.   L’Ahimsa   è   un’arma   estremamente   potente   di   pace   e   la   summa   della   virtù   umana.   La non-violenza può cambiare il mondo attraverso le persone che la praticano con coraggio e determinazione. IL SATYAGRAHA La   verità   non   ha   forma.   Esistono   tante   immagini   della   verità   quanti   sono   gli   uomini.   La   verità   è   la   più   alta   forma   del divino   e   dovrebbe   essere   espressa   nel   pensiero,   nell’azione   e   nella   parola.   La   saggezza   è   fatta   di   verità.   La   forza   della verità guida l’uomo alla giustizia. L’ECONOMIA ETICA, SOLIDALE e L’ECONOMIA CIVILE La   separazione   dei   percorsi   intrapresi   da   etica   ed   economia   è   fonte   di   ingiustizia   e   di   conflitto.   I   limiti   dell’economia, separata   dalla   pratica   morale   e   dall’attenzione   all’altro,   sono   superati   da   una   visione   che   consideri   l’uomo   come soggetto   e   non   come   oggetto,   unico   vero   obbiettivo   della   pratica   economica   intesa   come   strumento   di   giustizia   e   di realizzazione   della   bellezza   umana.   Reciprocità   e   fraternità   si   pongono   come   alternativa   di   amore   alle   forme   di capitalismo individualista e di egoismo economico. Il concetto di bene comune prende il posto del profitto e dell’utile. Il   desiderio   di   rendere   possibile   l’equilibrato   accesso   alle   risorse   a   tutti   i   livelli,   è   fonte   della   ricerca   di   nuove   forme   di condivisione    economica    e    di    riorganizzazione    finanziaria,    attenta    al    coinvolgimento,    alla    partecipazione,    alla collaborazione solidale e alla redistribuzione.

PRINCIPI di GANDHI

Fondazione Arbor Via Giacometti 1, 6900, Lugano, Switzerland Tel. +41 91 913 41 70   -  Fax +41 91 913 41 79 info@arborfoundation.net 
FONDAZIONE
ARBOR
La      Fondazione      Arbor      si      riconosce      nella      significativa ispirazione    morale    dei    principi    di    M.    K.    Gandhi,    padre dell’azione e del pensiero non violenti: L’AHIMSA La     pratica     della     non-violenza     è     la     pratica     più     nobile dell’uomo.   Non   è   uno   stato   passivo   di   accettazione   ma   uno stato    di    amore    attivo    e    propositivo.    L’Ahimsa    è    un’arma estremamente    potente    di    pace    e    la    summa    della    virtù umana.   La   non-violenza   può   cambiare   il   mondo   attraverso   le persone che la praticano con coraggio e determinazione. IL SATYAGRAHA La   verità   non   ha   forma.   Esistono   tante   immagini   della   verità quanti   sono   gli   uomini.   La   verità   è   la   più   alta   forma   del   divino e   dovrebbe   essere   espressa   nel   pensiero,   nell’azione   e   nella parola.    La    saggezza    è    fatta    di    verità.    La    forza    della    verità guida l’uomo alla giustizia. L’ECONOMIA ETICA, SOLIDALE e L’ECONOMIA CIVILE La   separazione   dei   percorsi   intrapresi   da   etica   ed   economia   è fonte    di    ingiustizia    e    di    conflitto.    I    limiti    dell’economia, separata   dalla   pratica   morale   e   dall’attenzione   all’altro,   sono superati   da   una   visione   che   consideri   l’uomo   come   soggetto e    non    come    oggetto,    unico    vero    obbiettivo    della    pratica economica     intesa     come     strumento     di     giustizia     e     di realizzazione   della   bellezza   umana.   Reciprocità   e   fraternità   si pongono   come   alternativa   di   amore   alle   forme   di   capitalismo individualista   e   di   egoismo   economico.   Il   concetto   di   bene comune prende il posto del profitto e dell’utile. Il    desiderio    di    rendere    possibile    l’equilibrato    accesso    alle risorse   a   tutti   i   livelli,   è   fonte   della   ricerca   di   nuove   forme   di condivisione    economica    e    di    riorganizzazione    finanziaria, attenta       al       coinvolgimento,       alla       partecipazione,       alla collaborazione solidale e alla redistribuzione.